mercoledì 9 aprile 2014

Ikea Hack n°1 - ovvero il tavolino "maipiùbernoccoli"

Se dico Lack cosa vi viene in mente? Certo, il tavolino di IKEA a 7,99€... per chi ancora non mastica l'Ikeese è lui:


Io ne avevo uno proprio così, bianco come questo, comprato chissà quanti anni fa per il soggiorno.
Poi è diventato il tavolino dei bambini e così si è trasformato in cucina, banco degli attrezzi, officina, cassa del supermercato, tavolo da disegno, tornio da scultore, laboratorio di chimica... un tavolino bianco è stato tutto questo e chissà quante altre cose ancora.
Ma c'era un problema: gli spigoli... eh sì, se avete a che fare con dei bambini piccoli sapete benissimo quanto le loro testoline siano attratte dagli spigoli appuntiti e sapete altrettanto bene a quanto servano i paraspigoli (...silenzio...): provate ad incollare un paraspigolo e contate fino a cinque: uno, due.. al tre lo stanno già addentando,... quattro, e ... voilà, al cinque è già stato sradicato a morsi.

Ecco, appunto, c'è bisogno di una rivisitazione, per usare l'Ikeese : urge un IKEA HACK!

Ho utilizzato:
  • tavolino Lack di IKEA
  • tappetini puzzle
  • colla millechiodi
  • telo di plastica trasparente 
  • taglierina
  • graffettatrice

e' stato talmente semplice che non c'è bisogno di spiegazione, ma se per caso volete copiare l'idea ecco come procedere:


  1. partiamo dai bordi del piano del tavolino: ritagliate quattro strisce di puzzle a misura e incollatele sui bordi appunto, poi fate asciugare
  2. assemblate quattro pezzi di puzzle e appoggiateli al rovescio sul pavimento
  3. abbondate con la colla sul piano del tavolo e poi appoggiatelo "a faccia in giù" sul puzzle a terra cercando di  centrare il disegno, poi lasciate asciugare
  4. a questo punto potete rifilare i bordi con la taglierina
  5. smontate le quattro gambe del tavolino 
  6. ora potete stendere a terra il telo di plastica trasparente
  7. appoggiate il piano del tavolo sulla plastica con la faccia superiore rivolta verso il basso
  8. fissate la plastica con le graffette alla parte inferiore del piano
  9. rimontate le gambe del tavolo ed ecco il risultato, un tavolino pratico, lavabile, versatile e colorato, ma soprattutto, a prova di zuccate!









Nessun commento:

Posta un commento

LinkWhitin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...