giovedì 8 maggio 2014

Step n°2 : basi di colore

Riproduzione di manifesto "Cinzano" d'epoca, work in progress.

Non stà scritto da nessuna parte, ma io solitamente faccio così: dopo aver delimitato i contorni (qui il primo post con i dettagli), riempio le aree di colore con delle basi acriliche. 

Acrilico. Anche se il quadro sarà dipinto ad olio o a smalto, o con qualche altra vernice ancora diversa io le basi le voglio così, acriliche. Perchè puoi stendere il colore in modo uniforme, perchè asciuga in un attimo, perchè ho bisogno di vedere subito come sarà l'effetto finale. E allora riempio. Cancello ogni traccia di quel bianco odioso della tela nuova e butto giù colore, senza preoccuparmi troppo della somiglianza con l'originale. E' la fase dello sfogo libero, sembro una pazza furiosa con un pennello gigante in mano.
Il colore deve essere abbastanza coprente da poter lasciare immaginare la fine, ma allo stesso tempo deve anche essere abbastanza trasparente da lasciar intravedere le linee tracciate prima. 

Con quel bianco sporcato di ocra ho cercato di lasciare un effetto "carta ingiallita" che mi piacerebbe tenere per i passaggi successivi. Di rosso ho dato due mani anche se forse ne bastava una, ma era talmente vivo, acceso, cremoso che non ho saputo resistere... voi non avreste fatto il bis?



Nessun commento:

Posta un commento

LinkWhitin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...